Fratel Cosimo e le Apparizioni della Madonna allo Scoglio.

Fratel Cosimo Fragomeni è nato il 27 gennaio 1950. È stato portato al fonte battesimale soltanto nel mese di maggio, attraverso le strade a zig-zag che conducono alla Chiesa di Placanica. Qui, ha frequentato la scuola, distante dal paese più di un’ora per andare e altrettanto per ritornare. Essendo suo padre invalido di guerra, ha dovuto terminare la scuola dopo la prima media, verso l’età di 11 anni. È diventato pastore di capre e di buoi e ha cominciato a lavorare i campi a 14 anni. Viveva la vita contadina, solitaria e laboriosa che ha preceduto la motorizzazione, lontano da tutto ciò che esiste sotto il cielo, senza grazie mistiche particolari. Ecco che, a 18 anni, come accade a dei cristiani, magari anche poco cristiani, è stato visitato. Dopo ogni luminosa apparizione di Nostra Signora, della Madonna, come si dice con fervore in Italia, ha messo subito per iscritto la sua relazione, consegnando di volta in volta una copia al parroco di Placanica, don Rocco Gregorace, che è deceduto da oltre dieci anni. Fratel Cosimo ha però conservato gelosamente gli scritti riguardanti le prime apparizioni.

PRIMA APPARIZIONE

Il giorno 11 Maggio dell’anno 1968, poco prima dell’imbrunire, stavo rientrando a casa dal lavoro dei campi e portavo sulla spalla un fascio d’erba per gli animali. Mentre passavo, proprio dirimpetto allo Scoglio, mi sono visto improvvisamente abbagliato da una grande luce. Mi sono fermato, ho alzato la testa per vedere cosa era successo, ma non ho visto nulla. Appena mi sono rimesso a camminare, come se qualcuno mi dicesse di guardare verso lo Scoglio, guardai e mi sono visto davanti agli occhi, proprio sulla sommità dello Scoglio, una dolce figura di una giovane donna, di carnagione scura, sui 18 anni di età, con i capelli lunghi di colore castano scuro. Era scalza, con le mani giunte, tutt’attorno circonfusa da un alone di fulgidíssima luce e dietro le spalle si vedeva come un sole luminoso, dai lunghi raggi dorati. Indossava un vestito bianco come la neve, una cintura e un manto azzurro, un velo bianco trasparente in testa, cosparso di stelle e al polso un luccicante rosario di perle. In quel momento ho sentito come un brivido attraversare il mio corpo, fui preso da un forte senso di paura e stavo per scappare. Ho pensato infatti si trattasse di qualche spirito, anche se dall’aspetto sembrava la Madonna. La giovane donna, dall’alto dello Scoglio, fece un inchino con la testa, distolse le mani e mi fece cenno di non scappare, dicendomi con voce amabile e scandendo le parole piano piano: “Non avere paura, vengo dal Paradiso, io sono la Vergine Immacolata, la madre del Figlio di Dio. Sono venuta a chiederti di costruire qui una cappella in mio onore. Io ho scelto questo luogo, qui voglio stabilire la mia dimora e desidero che da ogni paese si venga qui a pregare”.Appena terminò di parlare, congiunse di nuovo le mani, fece un inchino con la testa, alzò gli occhi al cielo, si staccò dallo Scoglio e subito scomparve nell’aria. Subito dopo mi sono sentito come sconvolto, profondamente turbato, assalito dal dubbio se era veramente la Madonna oppure no. Sono rimasto ancora un attimo ai piedi della grande siepe presso lo Scoglio e poi rientrai subito a casa. Arrivato a casa, ho preso immediatamente carta e penna e ho messo per iscritto, per non dimenticare, le parole che avevo appena udito dalla giovane donna.

12 Maggio 1968

SECONDA APPARIZIONE

La mattina del 12 Maggio del 1968, appena mi sono alzato, andai allo Scoglio, pregai un po’, ma non vidi nulla. A tarda sera, quando stava quasi facendosi buio, mi sono sentito come spinto da un forte impulso interiore di ritornare allo Scoglio. Appena giunto sotto la grande siepe dirimpetto allo Scoglio, alzai gli occhi per guardare verso lo Scoglio, quando improvvisamente mi vidi abbagliato da una luce accecante. Lo Scoglio brillava come se fosse in pieno giorno. Dall’alto scendeva un faro di luce, proiettando i suoi raggi sullo Scoglio e, in quella meravigliosa luce, di colpo apparve la giovane donna. Appena l’ho vista è stato come se mi venissero meno le gambe: sono caduto in ginocchio e, con voce tremante, le dissi: “Se siete la Madonna, aiutatemi”. Essa, inchinando il capo, mi rispose: “Ti aiuterò, ma non ti mancheranno tribolazioni e sofferenze. Non ti scoraggiare, io sarò con te e ti sosterrò con la mia mano. Il Signore vuole farti strumento del Suo amore, per la salvezza delle anime”.Detto questo, mi sorrise, guardò il cielo, chinò il capo e scomparve in un istante. Quella sera non ebbi paura; una grande gioia e pace invase il mio cuore; ritornai a casa contento e presi subito a scrivere le parole che la Santa Vergine mi aveva detto.

13 Maggio 1968

TERZA APPARIZIONE

Il giorno 13 Maggio 1968, durante la giornata, più volte andai allo Scoglio a pregare e, mentre pregavo ai piedi dello Scoglio, avvertivo un intenso profumo di fiori. Giunta la sera, sempre più o meno allo stesso orario della sera precedente, ho avvertito come una forza misteriosa che mi attirava di andare di nuovo allo Scoglio. Sono andato, mi sono messo in ginocchio e ho incominciato a recitare l’Ave Maria, guardando in cima allo Scoglio; ad un tratto ho visto come se il cielo si aprisse. Un fascio di luce scese sullo Scoglio e, in quel fascio di luce, apparve la Santa Vergine. Io Le chiesi: “Vergine Santa, ditemi cosa volete che io faccia per Voi”. Essa, inchinando leggermente il capo, mi disse: “Ti chiedo il favore di trasformare questa valle” . L’interlocutrice parla a Cosimo con deferenza, come parlava a Bernadette, il 18 febbraio 1858, implorandola di “avere la bontà” di venire… Ella continua: “Qui desidero un grande centro di spiritualità, dove le anime troveranno pace e ristoro. In questo luogo, Dio vuole aprire una finestra verso il cielo. Qui, per la mia mediazione, vuole manifestare la Sua misericordia”.Finito di dire queste parole, la Santa Vergine rimase per un breve momento in silenzio e poi, sorridendomi dolcemente, scomparve subito. Dopo mi sono alzato in fretta e andai a casa per mettere a nota quanto mi era stato comunicato dalla Santa Vergine.

14 Maggio 1968

QUARTA APPARIZIONE

Il giorno 14 Maggio 1968, come il giorno prima, nell’arco della giornata mi recai allo Scoglio a pregare. Avvertivo ancora una volta il solito profumo di fiori. La sera, dopo un bel po’ che si era fatto buio, di nuovo ho sentito dentro di me come un richiamo di ritornare allo Scoglio. Come arrivato, mi sono messo in ginocchio e incominciai a pregare. Dal cielo ho visto venire giù il fascio di luce e, nello stesso momento, sullo Scoglio apparve, in mezzo a tanto splendore, la Santa Vergine. Fece il solito inchino con la testa e poi incominciò a parlare, dicendomi con voce accorata: “Se gli uomini si convertiranno, si pentiranno dei loro peccati, si confesseranno, si avvicineranno a Dio e lo ameranno con tutto il cuore, Dio si avvicinerà a loro e li accoglierà nella Sua casa”.La Madonna, nel pronunciare queste parole, divenne triste nel volto, rimase qualche minuto in silenzio e poi prese dal braccio la luccicante corona del Rosario. Allungando la mano nella mia direzione, mi disse: “Ecco il mio Rosario, esso sia la tua preghiera quotidiana, offrilo al mio cuore immacolato per la conversione del mondo, il trionfo del Regno di Dio, la pace delle nazioni e la salvezza dell’umanità”. Dette queste parole, ricongiunse lentamente le mani, rimase un po’ come assorta in preghiera, poi abbassò il capo, mi sorrise con tanta dolcezza e, subito dopo, disparve, lasciando un delizioso profumo. Quasi di corsa sono tornato a casa, ho preso la penna e ho scritto anche questa volta tutto ciò che la Madonna mi aveva riferito. Seguito delle apparizioni . Gli incontri con la Vergine sono continuati per circa 10 anni, quasi sempre a distanza di un mese l’uno dall’altro. Ogni volta li trascriveva immediatamente e li consegnava al suo Parroco e alcuni di essi sono stati pubblicati. Alla morte del parroco, non si sono ritrovati tutti i fogli. Questa parte rimarrà, dunque, sempre incompleta. La vita e la preghiera si sviluppano intorno allo Scoglio in una atmosfera di gioia e di pace, di comunione e di fiducia, con frutti spirituali, conversioni e guarigioni.

IL QUADRO DELLA MADONNA

Non essendo riuscito a trovare un pittore professionista, mi è stata indicata una persona di Caulonia, un certo Ilario Tarsitani, che per hobby si dedicava anche alla pittura. Appena l’ho contattato, egli si è subito reso disponibile e ha cominciato ad eseguire l’immagine secondo le mie indicazioni. Saltuariamente mi recavo a casa sua per seguire il lavoro, ma il pittore, mentre dipingeva, arrivato vicino al collo, gli si bloccava la mano. Non riuscendo ad andare avanti, decise di prendere un’altra tela e ricominciare daccapo. Anche con la seconda immagine, quando arrivò vicino al collo, si verificò lo stesso fatto, per cui decise di abbandonare anche quella e ricominciare su un’altra tela. Con la terza immagine, il pittore, quando arrivò vicino al collo, si bloccò nuovamente e, quando sono tornato a casa sua, mi accompagnò nel laboratorio, mi disse scoraggiato: “Ditemi voi cosa devo fare, poiché neanche questa volta riesco a completarla”.Io, non sapendo cosa rispondere, gli dissi: “Non vi preoccupate, che la Madonna ci penserà” e me ne sono andato, dicendogli che sarei ritornato il giorno dopo. La sera successiva, arrivato a casa sua, egli è venuto ad aprirmi e, con le lacrime agli occhi, mi prese dal braccio e mi condusse verso il laboratorio, dicendomi: “Venite a vedere cosa è successo”. Siamo arrivati davanti all’immagine e, con grande stupore, ho visto che era stata completata anche sul viso e gli ho detto: “L’avete già completata?”. Egli, pieno di commozione, mi rispose: “Io non ho fatto niente, si è fatta da sola durante la notte. Oggi ero venuto di buon mattino per finire il lavoro e, con grande sorpresa, ho visto l’immagine già completa”.Ha aggiunto: “Ora devo solo dipingere i piedi e fare qualche altro ritocco”.Ma io gli risposi: “Non mettete più mano, lasciatela così com’è”.Il giorno dopo mi sono recato da lui con un amico per prendere l’immagine e l’abbiamo trasportata a casa mia con un motocarro e, dopo qualche giorno, l’abbiamo sistemata nella cappella. Dopo che è stata messa a posto, mi sono accorto che, spostandomi da una parte all’altra della cappella, gli occhi della Madonna mi seguivano, come se si trattasse di una persona vivente, e questo fatto viene continuamente constatato anche da numerosi pellegrini. Durante la mia infanzia rimanevo sempre colpito dal bellissimo ritratto di mia zia Pilet, che troneggiava nella grande sala troglodita di mio nonno a Rochecorbon, e dal suo sguardo che ci seguiva dagli angoli più lontani, di destra e di sinistra. Questo ci affascinava. Quando un pittore dipinge uno sguardo vivo che guarda davanti a sé, quello sguardo sembra che guardi fisso chiunque. I dipinti “miracolosi” di cui si parla, non sono, in generale, dei capolavori da esposizione: l’immagine è fedele a ciò che Fratel Cosimo ha visto, senza eguagliare ciò che ha visto. Egli sa bene che l’apparizione è ineffabile e che non si può “fare come era”, secondo la formula di Bernadette.

LA SORGENTE

Fratel Cosimo così prosegue. Molto prima che iniziassero i lavori di ampliamento del piazzale, una mattina, mentre ancora mi trovavo a casa, ho avuto una visione: ho visto, in un lato del terreno che si trova davanti alla Chiesa, sgorgare una sorgente d’acqua e poi una folla di pellegrini che andava ad attingere quell’acqua. Tra essi c’erano molti ammalati e alcuni di essi avevano delle piaghe sulle gambe e, appena si avvicinavano alla sorgente, prendevano l’acqua, la bevevano e se la buttavano addosso e alcuni di essi guarivano dai loro mali. Ma io, pensando che potesse trattarsi di un inganno diabolico, non ci ho fatto caso. Poi, mentre erano in corso i lavori di ampliamento della piazza, nel mese di Settembre del 2001, ho avuto di nuovo la stessa visione: l’acqua che sgorgava allo stesso punto di prima, la moltitudine di persone che andava ad attingere quell’acqua, la beveva e se la versava addosso e alcuni malati che guarivano. Dopo questa seconda visione, ho cominciato a riflettere se essa era veramente un messaggio del Signore, o un inganno del maligno. Il dubbio mi assillava continuamente, sicché, durante la Messa del primo sabato di Ottobre del 2001, al momento dell’elevazione, chiesi un segno di conferma alla Madonna, dicendoLe: “Madonna mia, se le visioni che ho avuto provengono da Te e in quel punto c’è veramente l’acqua, dammi un segno di conferma”.Dal momento che mi rivolsi alla Madonna, sentii immediatamente una pace nel cuore e scomparve da me ogni tormento. Finita la Messa, mentre mi trovavo sul sagrato, ho sentito lo scroscio di una cascata d’acqua che proveniva da quel punto e mi sono improvvisamente girato e contemporaneamente, prima ancora che io parlassi, una persona che era accanto a me, Rosa Bolognino, ha esclamato: “Fratel Cosimo, e ora quest’acqua da dove viene?”. Io le ho detto di fare silenzio, aggiungendo che quello era un segno che io avevo chiesto alla Madonna. Siamo quindi andati verso quel punto e abbiamo constatato che non c’era nemmeno una goccia d’acqua. Da quel momento ho avuto la certezza che le visioni provenivano dalla Madonna e quindi mi sono preoccupato di fare eseguire il lavoro di scavo alla ricerca dell’acqua. Dopo alcune interruzioni, a causa dei lavori di ampliamento del piazzale, finalmente il giorno 28 Ottobre 2002, alle ore 10, è sgorgata improvvisamente l’acqua e gli operai, meravigliati, hanno esclamato: “Dobbiamo avvisare subito Fratel Cosimo” e una persona che si trovava nel piazzale, Gisa Iannopollo, è corsa a casa mia per chiamarmi. Io, appena giunto vicino all’acqua, mi sono inginocchiato facendomi il segno della croce, ho preso l’acqua che era ancora torbida, l’ho bevuta e me la sono versata addosso, come ho visto fare ai pellegrini nella visione, e ho ringraziato Dio e la Madonna. Ecco la relazione inedita di Fratel Cosimo. Me l’ha fatta leggere, sull’autografo originale, dall’avvocato della sua Fondazione, Ferdinando Zappavigna. Sua figlia, Carmen, studentessa in legge, l’ha con molta cura dattiloscritta il giorno stesso. Io non voglio essere che l’eco della sua trasparente testimonianza. Mi si raccomanda di essere prudente, di non anticipare il giudizio della Chiesa, e di questo ne tengo conto. Espongo, dunque, i fatti. Non vedo affatto l’utilità di complicare il racconto con le continue perifrasi quali: “al veggente è parso di vedere”, “la presunta apparizione”, ecc. Le riserve sono ovvie. Io non garantisco niente, non impongo niente. Mi sforzo di essere una fedele eco e lascio a ognuno il suo libero giudizio, secondo la propria ottica e la propria grazia. La Chiesa è uno spazio di libertà, sempre che se ne rispetti l’ordine e l’armonia. Per adesso il vescovo osserva con prudenza, simpatia e comprensione, ma senza giudicare, né impegnarsi, vigila e canalizza i buoni frutti, secondo la missione data al successore degli apostoli di essere il fondamento visibile della fede: sostegno incoraggiante e non gendarme repressivo, come propone la nota del Cardinale Seper sui criteri delle apparizioni (25 febbraio 1978), con ogni vigilanza e apertura di cuore. Nella libertà cristiana della fede, ognuno può porsi delle domande sul carisma che è sorto a Placanica. Nelle ultime apparizioni riconosciute dalla Chiesa, la Vergine non porta sempre lo stesso abito: a Guadalupe (Messico), a La Salette usa uno stile strano che sorprende, come si è detto, a Lourdes o a Fatima; né la stessa statura, la stessa età, lo stesso colorito. Ella si adatta al tempo, al luogo, al veggente. Era molto bassa per la piccola Bernadette, più alta per Fratel Cosimo. Ciascuno può trovare da ridire su queste varianti, ma lei sa farsi riconoscere. Si può venire colpiti dai vari accostamenti: la Vergine è “triste” per lo stato del mondo, come a Lourdes, ma senza lacrime come a La Salette. Si rivolge a Fratel Cosimo con deferenza, gli chiede “il favore” di trasformare questa vallata, come a Bernadette di “avere la bontà” di andare a Massabielle “per 15 giorni”. Appare dentro una luce che la precede e la luce sparisce dietro a lei, come a Lourdes e in molte altre apparizioni. Si possono vedere qui i segni positivi, segni di riconoscimento, una specie di codice dell’apparizione per farsi riconoscere. Segnalo questi indizi senza farne delle prove. Sarà lo stesso per i frutti. Io li espongo onestamente, come si presentano, senza farne un verbale ufficiale e senza farmene il garante, ruolo che troppo spesso mi si vuole attribuire. Se noto degli accostamenti sorprendenti con Bernadette, senza soffermarmi sulle differenze, mi guarderò bene dal dire, come talvolta si fa in casi simili, che si tratta di una nuova Lourdes. Lourdes è un avvenimento significativo e permanente della Chiesa. Non tutti i paragoni reggono, infatti “somiglianza non è uguaglianza”.

Lascia un Commento